PENSIERI E PAROLE DEL 02 MARZO

Graziano Surace >> Pensieri e Parole del 2 Marzo 2009

SPARIAMOLE GROSSE
Problema di matematica: l'alunno risolva su un foglio di carta il problema X. Soluzione: bruciare il foglio di carta in maniera tale che il problema X non esista più. Soluzione alternativa: tapparsi gli occhi per non vedere proprio il problema (questa funziona sempre!).

La regola politica a cui gli italiani si sono ormai abituati è "spararle grosse". Ecco alcuni esempi concreti. Problema: violenza sessuale su donne e bambini. Soluzione: istituzione delle ronde di cittadini (R. Maroni, Ministro degli Interni). Problema: integrazione e accoglienza degli extracomunitari. Soluzione: "eliminazione dei bambini zingari che vanno a rubare dagli anziani" (G. Gentilini, sindaco di Treviso, detto lo Sceriffo). Problema: movida notturna a Roma: Soluzione: cornetti e kebab vietati dopo l'una di notte (G. Alemanno, sindaco di Roma). Ad una disamina più attenta, quest'ultima drammatica problematica potrebbe essere affrontata in maniera più proficua vietando l'abbacchio dopo le dieci di sera e il tiramisù dopo le undici. Risolveremmo, così, sia il problema della movida notturna che quello annoso della digestione (il problema è particolarmente sentito dai soggetti, ormai, non più giovanissimi). Tanto se le dobbiamo spararle grosse... !
Ma si sa, i nostri amministratori sono imbattibili in questa materia. Noi cittadini inetti siamo al massimo osservatori o spettatori di questo spettacolo comico. D'altro canto, seriamente, come si può commentare una disposizione (comunale) che vieta la vendita dei cornetti dopo l'una di notte? E' un'idiozia. Ma c'è qualcosa che fa male maggiormente, cioè sapere che, non solo una persona l'ha pensata (la legge), ma ancora peggio, altre persone hanno avuto il coraggio di votarla essendo d'accordo.
Rebus sic stantibus, - come direbbe il mio amico S. Sgalambro - io proporrei la soluzione finale al problema della movida: il coprifuoco. Peccato non sia una novità nel panorama millenario della storia!. Già, proprio la storia maestra di vita, la storia che studiamo a scuola per non ripetere sempre gli stessi errori. Ma gli uomini (e me in primis) sono di memoria corta e così dimenticano che già i regimi hanno inventato soluzioni valide tanto al problema dello straniero quanto a quello della violenza o degli schiamazzi notturni. Noi non ci siamo inventati nulla, neanche in negativo. Le squadre di picchiatori esistevano anche durante il fascismo, così come il coprifuoco, così come le leggi razziali.
Allora voglio solo sorridere a taluni provvedimenti e continuare a pensare che in fondo politica non significhi svegliarsi la mattina e spararla più grossa del vicino di casa o di poltrona. Oltreoceano qualcuno pensa di schierarsi contro le lobby di potere per poter garantire il diritto alla sanità a tutti i cittadini. In Italia qualcuno sostiene che il problema delle ronde sia un problema di linguaggio: si dovrebbero chiamare comitati cittadini per la sicurezza . In italia, qualcun'altro pensa che per riposare meglio di notte nel centro della città eterna sia necessario vietare la vendita di talune leccornìe. In Italia, qualcun'altro ancora pensa che l'eliminazione dei piccoli Rom possa costituire una valida soluzione al problema della microcriminalità. Speriamo solo non arrivi l'illuminato di turno a dirci che per risolvere il problema delle pensioni bisogna ammazzare tutti gli anziani d'Italia. Di questi tempi non si sa mai!

Con affetto
Graziano Surace


Graziano Surace © - 2005 - All Rights Reserved